Qualifica di processi, servizi e persone

​Valorizzazione professionale della Qualità Certificata e oltre

IQC supporta le imprese nel percorso di valorizzazione delle proprie eccellenze sul mercato nazionale ed estero attraverso la messa a disposizione di competenze per qualificare l’offerta di prodotti, processi e servizi, persone, anche attraverso il coinvolgimento di partners scientifici ed enti e/o associazioni rappresentative delle parti coinvolte. IQC contribuisce nella fase iniziale di messa a punto delle Specifiche Prestazionali, nella validazione dei riferimenti e nelle fasi successive di ispezione iniziale e periodica per il rilascio ed il mantenimento della qualifica.​

La Qualifica e la Certificazione sono in conflitto?

Qualifica e Certificazione sono aspetti complementari di un unico obiettivo: garantire, attraverso attività ispettive condotte con metodo normato e trasparente rispetto a tutte le parti coinvolte, che un prodotto, un servizio, le competenze ed abilità di una persona, rispondono a requisiti definiti.

Quando i requisiti che si intende garantire sono contemplati in norme riconosciute in ambito nazionale ed internazionale, e le procedure di verifica sono rispondenti ai regolamenti stabiliti in ambito EA (European Accreditation), IAF (International Accreditation Forum), si ricorre alla certificazione accreditata. Questa è una corretta procedura riconosciuta dal mercato, per la libera circolazione di prodotti, il riconoscimento della qualità di servizi e competenza delle persone.

Se invece i requisiti sono definiti in Specifiche Prestazionali di una azienda, oppure di enti pubblici o privati (di tipo proprietario), quindi con caratteristiche molto peculiari e mirate ad interessi di parte, la qualifica si presta ad essere strumento più concreto ed efficace, spesso complementare alla certificazione.

Dunque quando si ricorre alla Qualifica?

La qualifica rappresenta un valore aggiunto rispetto alla certificazione quando:

  • non è disponibile normativa nazionale, europea e/o internazionale che esplicita i requisiti prestazionali che devono essere garantiti,

  • quando tale normativa esiste, ma è considerata da committenze esigenti troppo generalista, ovvero limitata in termini di profondità e/o ampiezza delle garanzie.

Nel primo caso la qualifica sopperisce ad una carenza del sistema normativo e potrebbe considerarsi propedeutica ad uno sviluppo della certificazione. Ciò dipenderà dall’interesse del mercato in termini di trasversalità e sostenibilità economica.

Nel secondo caso la qualifica completa e va oltre quanto è certificato per garantire specifiche peculiarità di processo, servizio e/o prodotto. La qualifica inoltre fornisce le garanzie che le parti interessate ritengono non soddisfatte da quanto è già certificato.​

La Validazione

La validazione rappresenta un tassello del percorso di qualifica. In sostanza sostituisce l’apparato normativo di riferimento sia per gli aspetti di requisiti (specifica Prestazionale), sia per il relativo sistema di verifica. Un buon progetto di qualifica di processo, servizio e/o prodotto e di competenze professionali, comincia proprio con un buon lavoro di validazione. Per otte​nere ciò occorre impiegare elevate competenze tecniche e scientifiche nella definizione di una strutturata attività di ricerca e sperimentazione, in modo da definire i riferimenti più idonei per conseguire i risultati attesi nell’interesse di tutte le parti coinvolte. L’autorevolezza e l’affidabilità di chi opera la validazione rappresenta garanzia di riconoscimento del valore della qualifica da parte del mercato.​​